Continuare a lavorare insieme per sviluppare il binomio vela – nuoto, partendo dalla Barcolana Nuota. La Società Velica di Barcola e Grignano e l’Unione Sportiva Triestina Nuoto hanno siglato ieri una convenzione che lega i due sodalizi: i due presidenti, Mitja Gialuz e Renzo Isler, hanno formalizzato la collaborazione nata in acqua per continuare a lavorare assieme su più fronti.

Abbiamo iniziato in maniera operativa e concreta con Barcolana Nuota – ha spiegato Mitja Gialuz collaborando per organizzare quella che è già diventata una tra le più spettacolari manifestazioni amatoriali di nuoto con partenza unica in acque libere, ma vogliamo andare oltre: il nostro obiettivo è proporre ai propri soci attività sinergiche, dare l’opportunità di formarsi più competenze ai rispettivi atleti e organizzare assieme eventi di grande qualità, a beneficio della città”.

L’accordo, siglato ieri sera alla SVBG, crea un comitato operativo che vede tre soci dei due sodalizi lavorare assieme per sviluppare le iniziative: Mauro Nordio, Carlo Tevarotto e Flavia Bottaro per la SVBG e Nicola Cassio, Laura Sterni e Sigrid De Riz per la Triestina Nuoto avranno il compito di concretizzare tutti gli aspetti della collaborazione sia sul fronte eventi che per quanto attiene corsi e attività da proporre ai rispettivi soci.

Quello che abbiamo in comune – ha dichiarato Renzo Isler, presidente della Triestina Nuoto – è che siamo tutti gente di mare. Questo spirito ci ha avvicinati subito: a Trieste quando dici mare dici vela e dici nuoto. Assieme costruiremo programmi e svilupperemo eventi capaci di coinvolgere i rispettivi atleti e promuovere i nostri sport e la sinergia che abbiamo concretizzato in questi anni, grazie anche alla visione di Carlo Tevarotto che per primo, ormai 6 anni fa, ha intuito il potenziale di una gara in acque libere nel periodo e nello stile di Barcolana”.

Proprio sul fronte di Barcolana Nuota, il comitato formalizzato ieri tra le due società ha già iniziato a lavorare con l’obiettivo di disegnare l’edizione 2020 in linea con i protocolli sanitari vigenti. “Come per Barcolana – è l’indirizzo dei due presidenti – l’obiettivo è quello di realizzare l’evento in armonia con le norme, modificando ciò che è necessario e mantenendo intatti l’entusiasmo e lo spirito che conduce a Trieste così tanti appassionati per vivere un’esperienza unica.